Enneagramma Associazione Italiana Studi Enneagramma

Un piccolo spunto di riflessione

HomePage Forum Forum ASS.I.S.E. Un piccolo spunto di riflessione

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Antonio Barbato 5 anni fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #11982 Risposta

    argoiin
    Membro

    L’ELEFANTE INCATENATO
    “Non posso” gli dissi “Non posso!”
    “Sei sicuro?” mi chiese lui.
    “Sì, mi piacerebbe tanto sedermi davanti a lei e dirle quello che provo… Ma so che non posso farlo.”
    Jorge si sedette come un Buddha su quelle orribili poltrone azzurre del suo studio. Sorrise, mi guardò negli occhi e, abbassando la voce come faceva ogni volta che voleva essere ascoltato attentamente, mi disse:
    “Ti racconto una storia…”.
    E senza aspettare il mio assenso Jorge iniziò a raccontare:
    “Quando ero piccolo adoravo il circo, mi piacevano soprattutto gli animali. Ero attirato in particolar modo dall’elefante che, come scoprii più tardi, era l’animale preferito di tanti altri bambini.
    Durante lo spettacolo quel bestione faceva sfoggio di un peso, una dimensione e una forza davvero fuori dal comune… ma dopo il suo numero, e fino ad un momento prima di entrare in scena, l’elefante era sempre legato ad un paletto conficcato nel suolo, con una catena che gli imprigionava una delle zampe. Eppure il paletto era un minuscolo pezzo di legno piantato nel terreno soltanto per pochi centimetri e, anche se la catena era grossa, mi pareva ovvio che un animale in grado di sradicare un albero potesse liberarsi facilmente di quel paletto e fuggire.
    Era davvero un bel mistero. Che cosa lo teneva legato, allora? Perché non scappava?
    Quando avevo cinque o sei anni nutrivo ancora fiducia nella saggezza dei grandi. Allora chiesi a un maestro, a un padre o a uno zio di risolvere il mistero dell’elefante. Qualcuno di loro mi spiegò che l’elefante non scappava perché era ammaestrato… allora posi la domanda ovvia: “Se è ammaestrato, perché lo incatenano?” Non ricordo di aver ricevuto nessuna risposta coerente.
    Con il passare del tempo dimenticai il mistero dell’elefante e del paletto e ci pensavo soltanto quando mi imbattevo in altre persone che si erano poste la mia stessa domanda.
    Per mia fortuna qualche anno fa ho scoperto che qualcuno era stato tanto saggio da trovare la risposta giusta:
    L’elefante del circo non scappa perché è stato legato a un paletto simile fin da quando era molto, molto piccolo.
    Chiusi gli occhi e immaginai l’elefantino indifeso appena nato, legato ad un paletto. Sono sicuro che, in quel momento, l’elefantino provò a spingere, a tirare e sudava nel tentativo di liberarsi, ma nonostante gli sforzi non ci riusciva perché quel paletto era troppo saldo per lui. Lo vedevo addormentarsi sfinito, e il giorno dopo provarci di nuovo, e così il giorno dopo e quello dopo ancora…. finché un giorno, un giorno terribile per la sua storia, l’animale accettò l’impotenza rassegnandosi al destino.
    L’elefante enorme e possente che vediamo al circo non scappa perché, poveretto, crede di non poterlo fare.
    Reca impresso sulla sua pelle il ricordo dell’impotenza sperimentata subito dopo la nascita. E il brutto è che non è mai più ritornato seriamente su quel ricordo. E non ha mai più messo alla prova la sua forza, mai più…
    Proprio così, Demian. Siamo un po’ tutti come l’elefante del circo: andiamo in giro incatenati a centinaia di paletti che ci tolgono la libertà.
    Viviamo pensando che non possiamo fare un sacco di cose semplicemente perché una volta, quando eravamo piccoli, ci avevamo provato ed avevamo fallito. Allora abbiamo fatto come l’elefante, abbiamo inciso nella memoria questo messaggio “non posso, non posso e non potrò mai”.
    Siamo cresciuti portandoci dietro il messaggio che ci siamo trasmessi da soli, perciò non proviamo più a liberarci del paletto.
    Quando a volte sentiamo la stretta dei ceppi e facciamo cigolare le catene, guardiamo con la coda dell’occhio il paletto e pensiamo:
    “Non posso e non potrò mai”
    Jorge fece una lunga pausa. Quindi si avvicinò, si sedette sul pavimento davanti a me e proseguì:
    “È quello che succede anche a te Demian. Vivi condizionato dal ricordo di un Demian che non esiste più e che non ce l’aveva fatta. L’unico modo per sapere se puoi farcela è provare di nuovo.”
    L’ELEFANTE INCATENATO
    “Non posso” gli dissi “Non posso!”
    “Sei sicuro?” mi chiese lui.
    “Sì, mi piacerebbe tanto sedermi davanti a lei e dirle quello che provo… Ma so che non posso farlo.”
    Jorge si sedette come un Buddha su quelle orribili poltrone azzurre del suo studio. Sorrise, mi guardò negli occhi e, abbassando la voce come faceva ogni volta che voleva essere ascoltato attentamente, mi disse:
    “Ti racconto una storia…”.
    E senza aspettare il mio assenso Jorge iniziò a raccontare:
    “Quando ero piccolo adoravo il circo, mi piacevano soprattutto gli animali. Ero attirato in particolar modo dall’elefante che, come scoprii più tardi, era l’animale preferito di tanti altri bambini.
    Durante lo spettacolo quel bestione faceva sfoggio di un peso, una dimensione e una forza davvero fuori dal comune… ma dopo il suo numero, e fino ad un momento prima di entrare in scena, l’elefante era sempre legato ad un paletto conficcato nel suolo, con una catena che gli imprigionava una delle zampe. Eppure il paletto era un minuscolo pezzo di legno piantato nel terreno soltanto per pochi centimetri e, anche se la catena era grossa, mi pareva ovvio che un animale in grado di sradicare un albero potesse liberarsi facilmente di quel paletto e fuggire.
    Era davvero un bel mistero. Che cosa lo teneva legato, allora? Perché non scappava?
    Quando avevo cinque o sei anni nutrivo ancora fiducia nella saggezza dei grandi. Allora chiesi a un maestro, a un padre o a uno zio di risolvere il mistero dell’elefante. Qualcuno di loro mi spiegò che l’elefante non scappava perché era ammaestrato… allora posi la domanda ovvia: “Se è ammaestrato, perché lo incatenano?” Non ricordo di aver ricevuto nessuna risposta coerente.
    Con il passare del tempo dimenticai il mistero dell’elefante e del paletto e ci pensavo soltanto quando mi imbattevo in altre persone che si erano poste la mia stessa domanda.
    Per mia fortuna qualche anno fa ho scoperto che qualcuno era stato tanto saggio da trovare la risposta giusta:
    L’elefante del circo non scappa perché è stato legato a un paletto simile fin da quando era molto, molto piccolo.
    Chiusi gli occhi e immaginai l’elefantino indifeso appena nato, legato ad un paletto. Sono sicuro che, in quel momento, l’elefantino provò a spingere, a tirare e sudava nel tentativo di liberarsi, ma nonostante gli sforzi non ci riusciva perché quel paletto era troppo saldo per lui. Lo vedevo addormentarsi sfinito, e il giorno dopo provarci di nuovo, e così il giorno dopo e quello dopo ancora…. finché un giorno, un giorno terribile per la sua storia, l’animale accettò l’impotenza rassegnandosi al destino.
    L’elefante enorme e possente che vediamo al circo non scappa perché, poveretto, crede di non poterlo fare.
    Reca impresso sulla sua pelle il ricordo dell’impotenza sperimentata subito dopo la nascita. E il brutto è che non è mai più ritornato seriamente su quel ricordo. E non ha mai più messo alla prova la sua forza, mai più…
    Proprio così, Demian. Siamo un po’ tutti come l’elefante del circo: andiamo in giro incatenati a centinaia di paletti che ci tolgono la libertà.
    Viviamo pensando che non possiamo fare un sacco di cose semplicemente perché una volta, quando eravamo piccoli, ci avevamo provato ed avevamo fallito. Allora abbiamo fatto come l’elefante, abbiamo inciso nella memoria questo messaggio “non posso, non posso e non potrò mai”.
    Siamo cresciuti portandoci dietro il messaggio che ci siamo trasmessi da soli, perciò non proviamo più a liberarci del paletto.
    Quando a volte sentiamo la stretta dei ceppi e facciamo cigolare le catene, guardiamo con la coda dell’occhio il paletto e pensiamo:
    “Non posso e non potrò mai”
    Jorge fece una lunga pausa. Quindi si avvicinò, si sedette sul pavimento davanti a me e proseguì:
    “È quello che succede anche a te Demian. Vivi condizionato dal ricordo di un Demian che non esiste più e che non ce l’aveva fatta. L’unico modo per sapere se puoi farcela è provare di nuovo.”
    Jorge Bucay

    #11983 Risposta

    Se volevi illustrare la forza della Ferita Originaria ci sei riuscita benissimo.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
Rispondi a: Un piccolo spunto di riflessione
Le tue informazioni: