Elenco argomenti del mese

Elenco argomenti del mese

Dopo una lunga pausa di circa un anno, dovuta a problemi personali che hanno toccato me ed alcuni dei nostri collaboratori, riprende finalmente la messa a disposizione per i nostri associati di un nuovo numero della nostra rivista, ricca di interessanti articoli che svariano dalla testimonianza personale dell’effetto che un corso di EdT può produrre sui partecipanti, ad una analisi dei vantaggi secondari che l’adozione di un tipo specifico può avere.

Personalmente reputo di grande interesse e di ottima qualità quello che è presente in questo numero e spero che il mio giudizio possa essere condiviso sia dal lettore ns. associato, che da coloro che leggeranno l’articolo reso disponibile nella parte aperta a tutti.

Questi i brani, divisi per categoria, che sono fruibili nelle varie rubriche:

 Articolo del Mese:

Prima il dovere e poi il piacere?  Una gustosa declinazione del vecchio proverbio e di come esso viene vissuto ed interpreto dai vari tipi, effettuato con la consueta ironia e profondità di analisi psicologica dal nostro amico ed insegnate abilitato Marco Amendola, del quale i nostri lettori hanno già avuto modo di apprezzare l’interessante analisi del personaggio di Amleto.

Ennea-Monthly:

Vantaggi Secondari, seconda parte, di Tom Condon pubblicato originariamente sul numero di Luglio 2000 e tradotto da Viviana Sannino. Un’analisi approfondita di alcune delle motivazioni profonde a causa delle quali non è affatto facile cambiare i propri meccanismi, anche quando ci limitano o, addirittura ci danneggiano.

Una Teoria Neurobiologica della Personalità, prima parte, di Eric Shulze e Tina Thomas, pubblicato originariamente sul numero di Aprile 2007 e tradotto da Luisa Liccardo. L’interessante teoria che la differenza fra i tipi possa avere come fondamento il ruolo giocato da tre neurotrasmettitori celebrali, esposta in modo diretto da due scienziati che da anni stanno cercando di trovare prove a proposito. L’articolo non è complessivamente di lunga durata ma, data la sua complessità e l’uso di uno specifico linguaggio, si è preferito dividerlo in due parti per permettere al lettore di poterne cogliere al meglio le sfumature e le implicazioni.   

Enneagramma cinema e letteratura:

Million Dollar Baby, seconda parte, di Raffaella Foggia. L’esame enneagrammatico del personaggio Eddie ferrovecchio e del ruolo secondario, ma  fondamentale, che il vecchio pugile gioca nello svolgimento degli eventi nel celebre film di Clint Eastwood.

I Tipi dell’Enneagramma:

Le Passioni- Una moderna rilettura in termini esistenziali, di Antonio Barbato. Tratto dal sesto capitolo del libro di prossima pubblicazione L’Enneagramma della Ferita Originaria e pubblicato sullo E.M. del Marzo 2015. Seguendo l’esempio offerto dalla stampa anglosassone, che invita spesso giornalisti e scrittori ad offrire ai lettori una nuova chiave di lettura per comprendere l’universalità e l’atemporalità dei cosiddetti Peccati Mortali, anche io ho voluto, prima di intraprendere una compiuta analisi dei tratti dei vari tipi, dedicarmi ad una rilettura, in termini esistenziali, del significato moderno del celeberrimo setticlavio.

Enneagramma e Lavoro:

L’Enneagramma dei tipi e la psicoterapia breve, di Raffaella Foggia.  Una approfondita ed utilissima descrizione dei modi con i quali il nostro sistema può essere di aiuto in una cosiddetta terapia breve, effettuata con ricchezza di esempi e di riferimenti teorici dalla nostra Raffaella, che dimostra di non essere solo una grande esperta di cinema, ma di saper ben padroneggiare i principali strumenti della sua professione.

Concludo augurando a tutti voi, che leggerete queste parole, uno splendido Natale ricco di pace e serenità e di un anno nuovo prospero e pieno di gioia e buona salute.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>